1.png

Sinossi

Una giovane donna attraversa la sua solitudine, ricostruisce il senso del legame con la propria terra e con l'amore.

Forse è proprio lei, Cecilia Capace Minutolo - la Principessa di Squinzano e poetessa che sposò Giovanni Enriquez marchese di Campi Salentina - che ritorna sui luoghi della sua vita. Ma il suo tempo non può conciliarsi con la storia che sembra sospesa e con l'apparente immobilità che agita gli ulivi malati di Xylella. Il vento dell'estate sfinita segna il passaggio irrisolto dell'amore tra le chiese e le edicole votive ai bordi delle strade che ascoltano un canto nuovo e antico perdersi in una lacrima.

Crew & cast

sceneggiatura e regia: Irene Gianeselli

direttore della fotografia: Giose Brescia

editor: Sara Porfido
 

con Irene Gianeselli (Cecilia Capece Minutolo)

e con Giose Brescia (Giovanni Enriquez)


musiche di Irene Gianeselli
 

con la canzone

Alma diletta (Beloved)

musica e parole: Irene Gianeselli

arrangiamento: Irene Gianeselli, Valerio Rivieccio

produttori: Irene Gianeselli, Valerio Rivieccio (Kurs Studio)

al pianoforte e al canto: Irene Gianeselli

Released on: 2022-11-21

illustrazione (locandina): Cristiana Berardini

ad8.png

Note di regia

La storia d'amore tra Cecilia Capece Minutolo e suo marito è commovente: dalla fine del 1600 ci arrivano le sue “Odi" in memoria dello sposo perduto, versi carichi di un senso sacro e alto dell'amore che vissuto così sembra un sentimento inconciliabile con il nostro tempo. Nella violenza che ritorna e si moltiplica nell'abbandono, nel passato che non abbiamo saputo e voluto elaborare e che per questo non ha pace, nel disastro ambientale che fagocita alberi malati e persone, ecco dove sta la caduta della nostra tenerezza di esseri umani. Ma si può ancora sognare, non si sa per quanto, e se il cinema è un sogno, allora almeno in questo spazio si può cercare la nostra voce, per prendere posizione contro il rifiuto della memoria e la perdita di senso. Si può ancora scegliere un amore che ci assomigli e che ci prenda la mano anche e soprattutto quando zoppichiamo per la strada.

Irene Gianeselli